Giorno 7 – (di cascate, leggende e fattorie abbandonate)

Giorno 7 – 31 luglio 2021

Ci rimettiamo in viaggio, insieme alle pecore che ci accompagnano alla macchina, e imbocchiamo la road n.63 per raggiungere il Geirangerfjord, un fiordo piccolo, se confrontato con i suoi fratelli norvegesi: solo 15 km di lunghezza e 233 metri di profondità. Ma un fiordo di montagne imponenti, di luce che non arriva d’inverno al paese di Geiranger, lasciandolo immerso in quel blu cobalto, quello che ti fa sentire di essere sott’acqua ma senza bombole, tipico degli inverni al circolo polare artico. Il Geirangerfjord si trova nella parte settentrionale di quell’area che viene comunemente chiamata Norvegia dei fiordi, nella regione di Møre og Romsdal, ed è dichiarato patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, insieme al Nærøyfjord (di cui vi ho parlato qui). E’ già bello ancora prima di raggiungerlo, ammirandolo dall’alto, in questo punto sulla strada, chiamato Ørnesvingen (“La strada delle aquile”).

Ørnesvingen

Qui troviamo una cartina dell’area, che indica un’antica fattoria abbandonata, lungo il fiordo, e raggiungibile solo da un approdo via acqua. Arriviamo a Geiranger cercando una biglietteria in cui cambiare programma (avevamo comprato il giorno prima via web il biglietto per la crociera sul fiordo ma dall’altra parte): ovviamente nessun problema ma il traghetto è in partenza. Lo prendiamo al volo, sono circa le 11 e ancora poca la gente. Ci godiamo il fiordo e le grandi cascate ai nostri lati: per ogni cascata, c’è una leggenda.

Iniziamo dalla cascata delle Sette Sorelle (le sette sorelle piacciono molto ai norvegesi, ci sono anche le montagne delle sette sorelle, più a nord), così chiamata perché formata da sette diversi getti che scendono verso l’acqua del fiordo da circa 240 metri di altezza. Di fronte alle sette sorelle, c’è l’ “eterno pretendente”, cioè il Friaren (Friarfossen) che flirta incessantemente con loro, e di fianco c’è il velo da sposa, Brudesløret, che ai meno romantici sembra in realtà una bottiglia di birra.

Incantati dal fiordo, dalle sorelle con i loro pretendenti ed il velo da sposa, ci rendiamo conto troppo tardi di aver attraccato ad un molo (leggi piccolo scoglio) e di essere già ripartiti, peccato che quello scoglio fosse l’unico punto e approdo per raggiungere la vecchia fattoria.

Ma ehi, siamo in Norvegia, qui sono tutti come Mr. Wolf di Pulp Fiction: chiediamo allo staff della nave di poter rimanere su anche per il prossimo giro, promettendo di stare un attimo più attenti, e così facciamo, chiaramente senza che ci venisse chiesto di pagare l’altra corsa, figuriamoci. E stavolta riusciamo a scendere al “molo”. Ecco il molo:

Scendiamo ma iniziamo subito a salire, sì perché per arrivare alla vecchia fattoria abbandonata ci sono mille scalini spacca gambe che ti portano in quasi verticale a raggiungere i 250 metri slm di Skageflå . Dal sentiero però la vista è bellissima, forse superata solo da quella che si ammira dalla fattoria.

Arrivati in cima, il fiato manca ma la vista e la fattoria ripagano di tutto.

Mentre ci rilassiamo assorbendo ogni silenzio, leggiamo che la fattoria è stata utilizzata attivamente fino al 1918, ospitando 125 capre, 15-16 mucche e due cavalli. D’inverno, però, era fondamentalmente impossibile arrivare fin quassù, e si racconta che il contadino togliesse le scale dalle parti più ripide della salita, quando era atteso l’esattore delle tasse, che quindi, si narra, non arrivò mai a Skageflå. Ma ci arrivarono il re della Norvegia, Harald e la sua regina Sonia, che qui celebrarono le loro nozze d’argento nel 1993.

Avremmo voluto continuare a salire verso l’altra fattoria, Homlongsetra, a 540 mlsm, ma da lì a mezz’ora sarebbe passato l’ultimo traghetto, quindi abbiamo iniziato la discesa verso il molo.

Tornati a Geiranger, proseguiamo sulla road n.63, che si inerpica fino a 1500 m di altitudine per raggiungere la cima del monte Dalsnibba, il punto più alto d’Europa su un fiordo, raggiungibile via strada, da cui c’è una vista pazzesca, dicono. Nella foto quello che dicono ci sia, nel video quello che abbiamo visto noi. PS: qui la temperatura ha raggiunto il valore minimo del nostro viaggio, 3.5 °C.

Dalsnibba view point

Qui a Dalsnibba, immerso nella nebbia, c’era anche questo mezzo, che mi ha raccontato di strade attorno al mondo e storie che vorrei tanto vivere.

Scendiamo e percorriamo un po’ di strade lì attorno, prima di tornare alla nostra cabin fiabesca all’ Hesthaug Gard , unico luogo del viaggio che ci ospiterà per due notti consecutive.

Qual è la tua strada amico?… la strada del santo, la strada del pazzo, la strada dell’arcobaleno, la strada dell’imbecille, qualsiasi strada. È una strada in tutte le direzioni per tutti gli uomini in tutti i modi.
(Jack Kerouac)

Giorno 4 (dillo con i fiordi)

Giorno 4 – 28 luglio 2021

Lærdalsøyri ci aveva molto colpito, ma eravamo troppo affamati, senza cibo in macchina e troppo in ritardo sugli orari norvegesi delle cene fuori (ore 18, se fanno le ore piccole raggiungono le 19) per gustarcelo come meritava, quindi ci siamo tornati il mattino dopo, e direi che è stata una scelta saggia. Non è delizioso? Un pò Far West, ma decisamente meno caldo. 161 case di legno, costruite fra il 1700 ed il 1800, regolarmente abitate.

Si riparte, destinazione: godersi il fiordo, il Sognefjord in particolare: esso è definito il re dei fiordi, dai norvegesi (Fjordenes konge), essendo il più lungo della Norvegia. Nel mondo, solo il Scoresby Sund in Groenlandia lo batte in lunghezza (350 km). Il Sognefjord è anche il più profondo della Norvegia, con un numero impressionante: milletrecentootto metri di profondità!

A proposito di fiordi: fjord in norvegese, o fjörður in islandese, significa “approdo”, e fara in norreno significa “andare, viaggiare”. C’è anche chi dice che significhi “passare attraverso”: per tutti, è un braccio di mare che si insinua profondamente nella costa, anche per vari chilometri, fino a più di 200 in Norvegia, appunto, inondando un’antica valle glaciale. In sostanza, il ghiacciaio che si estende al di sotto dell’attuale livello del mare, quando si ritrae, lascia lo spazio al mare, che riempie la vallata incisa dal ghiacciaio, con la tipica valle a forma di U. Spesso le montagne che lo circondano sono maestose, e lo spettacolo che ne deriva pazzesco: pensate in inverno, quando succede anche che si ghiaccino (fenomeno raro per le acque marine), data anche la scarsa quantità di sale presente e anche perché alcuni sono sempre in ombra. In Norvegia ci sono 1190 fiordi! La vista migliore di questi incredibili regali della Natura è dall’alto (come avete visto nell’hiking di ieri), e come sempre, Kerouac aveva ragione: climb that goddam mountain!

Zoomando sulla mappa potete rendervi conto della lunghezza di questo incredibile fiordo, che noi abbiamo percorso fino a Balestrand. Già, Balestrand.

road n.55 – Sognefjord

Non ricordo dove abbia letto di Balestrand, che non trovate menzionato, come luogo particolare, nelle normali guide. Ma fortunatamente, da qualche parte l’ho letto, perché in questo piccolo villaggio di poco più di 1000 abitanti, io ho trovato un pò di magia. Ma andiamo con ordine. Come vedete dalla cartina, per raggiungere Balestrand, da Lærdalsøyri, è necessario prendere un traghetto, una decina di km dopo, per attraversare un ramo del Sognefjord: i traghetti qui sono frequenti come la U-bahn a Berlino, a parte alcuni tratti. Del mondo dei traghetti, che sono un pò la continuazione ideale delle strade, in una terra con più di 1000 fiordi, vi parlerò a fine itinerario, in un articolo in cui troverete tutte le info pratiche, per viaggiare come me, anche senza di me! Il tratto di road n.55 è una piccola striscia di asfalto sulla roccia, e la segue in ogni sua curva. Ah, le strade qui sono fantastiche, la strada è il viaggio.

Qui sotto vi mostro una delle casette dove ho lasciato il cuore (ma alla fine ne ho scelta una, vedrete): fortunati Britt, Hanna e Marte!

Arriviamo a Balestrand: cosa c’è di bello da vedere li? Nei miei luoghi, questa domanda ha davvero poco senso. Amo i luoghi dove non ci sono per forza cose da vedere, ma dove ci sono cose da sentire, luoghi da annusare, sensazioni da percepire, silenzi da ammirare.

E cosa ti rispondo?

Molo di Balestrand

Qui ero sola, se con solitudine descriviamo l’assenza di esseri umani.

Ma questi sono i miei luoghi.

Inutile dire che a Balestrand ho lasciato uno dei miei pezzettini di cuore.

Ma in realtà, tornando verso la macchina, abbiamo trovato ancora un pò di magia.

Entriamo in quella che sembra una galleria d’arte (molti artisti, non solo norvegesi, si sono ritrovati qui a Balestrand, negli anni, a dipingere l’incanto che ti circonda, qui). Ed in effetti, è una galleria d’arte, nel piano di sotto, mentre al piano di sopra ospita antichi oggetti fra i quali diari, vecchi mobili, cartoline, pezzi di vita trovati nell’area e in questa casa stessa, dagli artisti Bjørg Bjøberg & Arthur Adamsone, che scelsero di rilevarla: è detta golden house (è infatti una costruzione gialla in legno), con una cupola di vetro in cima, costruita per vedere bene tutto il fiordo attorno.

Mentre curiosiamo in questa strana casa, una signora ci viene incontro, ci chiede cosa ne pensiamo, inizia a raccontarci (è la moglie di uno dei due artisti), le chiediamo come salire alla cupola, perché non trovavamo la scala, ci risponde: di qui. E apre una porta segreta, con una chiave, che porta ad un piccolo angolo pieno di lambicchi e vetreria chimica! La casa infatti, prima di essere una galleria d’arte, ospitava una farmacia.

In questo piccolo angolo chimico, c’è questa anta di legno, con la scritta dell’antica farmacia, che la signora apre, e ti aspetti un armadietto e invece..e invece da li ho messo in tasca il telefono e vissuto la magia di porte invisibili che si aprivano, portandoti in luoghi pieni di stelle e bacchette magiche, e chiavi da cercare.

Andateci!

Qui sotto la foto della cupola di vetro, e come al solito io immagino questi posti d’inverno.

Ripartiamo, la meta di oggi è Solvorn, sul Lustrafjord, il ramo più interno e lontano dal mare del Sognefjord. Ma come sapete, prima della meta ci sono tante strade e stasera entriamo nel mondo delle Stavkirke! Se durante il Medioevo in molte parti d’Europa vennero costruite immense cattedrali di pietra, in Norvegia si utilizzò una tecnica simile per le costruzioni in legno, visto che i vichinghi erano così bravi nel maneggiarlo, ed esse sono un simbolo di questo paese (fra i vari). Stav indica i pali angolari, che le caratterizza, oltre al legno ovviamente. Risalendo il fiordo, come potete vedere dalla mappa alla fine dell’articolo, raggiungiamo Solvorn, dal quale si prende un rapidissimo traghetto (10 minuti) per raggiungere l’altra sponda del fiordo, dove si trova la stavkirke di Urnes, la più antica tra le chiese di legno della Norvegia. Urnes, che è inclusa nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’ UNESCO, venne costruita intorno al 1130. Da qualche parte consigliano di noleggiare la bici, traghettare in bici e raggiungere la chiesa. Noi arriviamo un pò tardi (come sempre), 15 minuti prima dell’ultimo traghetto verso Urnes, un’ora e 20 prima dell’ultimo per il ritorno. Le bici si noleggiano presso questo ostello, dove ci consigliano di rimandare al giorno dopo, visti i tempi ristretti e vista soprattutto la salita alla stavkirke, che definiscono demanding. Ma noi stoici, soprattutto con un sacco di cose da fare il giorno dopo, non ascoltiamo i saggi consigli norvegesi e procediamo. Risultato: fatta la salita tutta a piedi, perché anche con il cambio più basso era impossibile! (per me)

Come ho fatto a dubitare dei norvegesi, come.

La giornata è, forse, finita, non ci rimane che raggiungere la nostra casetta di stasera..ma.. troviamo uno dei posti più incantevoli del viaggio, e non solo! Hytte bellissimo, posizione e vista..da non voler mai più andarsene (e per chi non sta mai fermo come me è una sensazione strana!).

Ecco il Lyngmo Hytter, ad Hafslo, affacciato su Hafslovatnet (vatnet = lago). Non so quanto sia rimasta lì fuori seduta, non so.

„Tutto bene?, chiese l’uomo. Il bambino annuì. Poi si incamminarono sull’asfalto in una luce di piombo, strusciando i piedi nella cenere, l’uno il mondo intero dell’altro.“

Giorno 2 (i silenzi)

Giorno 2 – 26 luglio 2021

Dopo un colazione infinita a Ulvik camping (https://www.hardangerguesthouse.no), ci rimettiamo in strada, direzione Flåm, un villaggio di circa 500 abitanti, nella parte finale dell’Aurlandsfjord, una diramazione del Sognefjord, contea di Vestland. Flåm è conosciuto per le sue profonde vallate, create ad opera dello spesso strato di ghiaccio che è rimasto in questa zona per milioni di anni: l’erosione del ghiacciaio ha fatto sprofondare il terreno, creando queste bellissime gole. Qui è stata costruita una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, nota anche come uno dei tratti ferroviari più belli al mondo. Durante il tragitto, ci fermiamo per la spesa, entriamo nel supermercato, e: “oh no! abbiamo dimenticato la mascherina!” “ah no, non si mette qui” (sarà la prima di ennemila volte in qui si ripresenterà questa scena durante il viaggio). I supermercati norvegesi sono pieni di cose deliziose e ipercolesterolemiche, come la maionese al lime e jalapenos, della quale siamo diventati profondi sostenitori, ma la mia attenzione si rivolge immediatamente alla ricerca dei rotolini morbidi alla cannella (Gifflar), di cui sono totalmente dipendente, senza speranza di uscirne, e da cui ero in crisi d’astinenza, dopo che all’Ikea non arrivano più! C’è pure la mia birra preferita. (poi ok, ci sono pure improbabili formaggi all’ananas, al bacon in tubetto, amatriciana in lattina, che non ho avuto il coraggio di fotografare).

Arriviamo a Flåm, che è davvero un villaggio sonnolente e delizioso, e ci dirigiamo alla piccola stazione, dove prendiamo i biglietti per la prossima corsa: in questo momento non ci sono molti viaggiatori, per cui ci sono posti a sufficienza e non è stato necessario prenotare (www.visitflam.com) . Il treno sembra un pò l’oriente express.

Una volta partito il treno, appare subito fondamentale scegliersi un finestrino, tirarlo giù completamente e rimanere appesi lì, incollati per ammirare questa valle meravigliosa all’interno della quale il treno passa, come Giona nel ventre della balena.

Il percorso si snoda su per 867 metri di dislivello in un’ora circa, con una pendenza del 5.5% per circa l’80% del viaggio, fino alla stazione di Myrdal, da dove passa anche la linea Oslo – Bergen.

Il National Geographic ha nominato la Flåmsbana come una delle 10 linee ferroviarie più belle del mondo, mentre la Lonely Planet l’ha definita nel 2014 come LA linea ferroviaria più spettacolare e credetemi, le foto non riescono a rendere la bellezza di questo viaggio. Durante il percorso, c’è anche una sosta per ammirare una cascata (niente di che), dove una ballerina spunta dall’alto vestita di rosso muovendosi al ritmo di un pezzo bucolico: non vale la discesa dal treno, e infatti sono rimasta su e, approfittando del fatto che fossero tutti scesi, mi sono accaparrata un finestrino migliore!

Rientrati a Flåm, iniziamo il primo dei (nonlihocontati) hiking del viaggio: la Norvegia dall’alto è imperdibile! Ho trovato spunti interessantissimi, relativamente agli hiking, su questo sito: https://www.outdooractive.com : troverete descrizione precise in termini di pendenza, tempo di percorrenza, difficoltà e indicazioni precise del punto di partenza, molto utile per quei percorsi poco battuti (i miei preferiti),per i quali il punto di partenza è un certo albero, lì giù dalla strada, 3 metri e mezzo a sinistra del sassolino a forma di alce. E non c’è un parcheggio pieno che può aiutarvi a capire!

Anche in questo caso, sbagliamo direzione un paio di volte prima di imboccare la strada giusta, che inizia con una piccola strada locale, poco trafficata per poi congiungersi ad una pista ciclabile, che costeggia il fiordo. La passeggiata è tranquilla e senza dislivello, se escludiamo la salita finale. Siamo soli, sensazione pazzesca e comune in Norvegia, se si sta lontani dai vari Preikestolen e affini. Il cielo è grigio, il fiordo sembra una lastra metallica, è tutto fermo, tranne dentro di me! Soprattutto quando vedo le casette fantastiche, isolate, quadrate, di legno a picco sul fiordo.

Dopo la salita finale, si arriva alla Otternes Farmyard, un’antica fattoria norvegese con casette risalenti al 1700, apparentemente abbandonata, ma che (scopriremo troppo tardi) invece ospita un ristorante last minute, nel senso che funziona solo su prenotazione e per 2/4 ospiti al massimo. Da qui la vista è fantastica, la pace norvegese mi invade, mi siedo lì davanti al bello e non vorrei più scendere.

Ad un certo punto, forse solo la fame riesce a smuoverci da questo primo di mille luoghi magici che la Norvegia ci regalerà, per cui rientriamo alla base, che stasera sarà il Flåm camping (https://www.flaam-camping.no/), e guardate che bella casetta abbiamo! Il fiordo è un pò distante, ma siamo immersi fra le montagne, i gradi Celsius superano di poco i 10 e le persone attorno a noi non fanno rumore: il camping è quasi pieno, eppure nessuno osa infrangere il silenzio.

La maggior parte delle sistemazioni che sceglieremo sono hytta: con questo termine, i norvegesi indicano la loro casa delle vacanze, situata di solito sulla costa o fra le montagne. Fino a pochi anni fa, hytta era rigorosamente una casetta spartana, senza acqua né elettricità, quasi sempre raggiungibile solo percorrendo un tratto a piedi, con il bagno esterno (utedass) e completamente immerse nella natura, dimensione essenziale per i norvegesi. I nostri hytter sono esattamente così, a parte l’elettricità e la macchina vicina. E questo ci permette di comprendere appieno la vera passione dei norvegesi per la vita all’aria aperta. “Ut på tur, aldri sur“, dicono, che in italiano diventerebbe qualcosa come “Zaino in spalla, andiamo in gita! Ci sorride già la vita”: come posso non amarli follemente?

Ecco il percorso (breve) di oggi

PS: se volete far bella figura con i norvegesi e soprattutto farvi capire, ricordate che la å, che è l’ultima lettera del loro alfabeto, si legge o, quindi oggi siamo stati a Flom.

Quando vivi in un luogo a lungo, diventi cieco perché non osservi più nulla. Io viaggio per non diventare cieco.

(Josef Koudelka)